Termini per le impugnazioni

DiMatteo Bertocchi

Termini per le impugnazioni

Il termine per proporre l’appello, la revocazione e l’opposizione di terzo di cui all’articolo 404, secondo comma, è di 30 giorni. È anche di trenta giorni il termine per proporre la revocazione e l’opposizione di terzo sopra menzionata contro la sentenza delle corti di appello.
Il termine per proporre il ricorso per cassazione è di giorni sessanta.
” (Art. 325 c.p.c.)

L’art. 325 c.p.c. disciplina i c.d. termini brevi di impugnazione, che decorrono dalla data di notifica della sentenza da impugnare.

In generale, i termini per le impugnazioni rispondono ad una esigenza di certezza e di economia processuale poiché circoscrivono nel tempo la facoltà data alla parte soccombente di non accettare la sentenza.

I termini per proporre impugnazione sono tutti perentori e perciò improrogabili: la loro decadenza può essere rilevata anche d’ufficio dal giudice.

I termini entro cui proporre impugnazione rappresentano la tecnica di cui l’ordinamento si serve per condizionare il passaggio in giudicato della sentenza: se i termini decorrono senza che sia stata proposta l’impugnazione, si verifica la decadenza dall’impugnazione stessa, il cui effetto è il passaggio in giudicato della sentenza.

Chiedi un parere per l’appello.

0 0 vote
Article Rating

Info sull'autore

Matteo Bertocchi administrator

Avvocato in Bergamo dal 2009, fondatore dello Studio Legale Bertocchi. Offro consulenza e assitenza legale nel diritto civile, in particolare nell'ambito dei contenziosi commerciali e immobiliari, nonché nel diritto tributario.

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments