Processo Civile Telematico

La Legge di Stabilità 2013 (art16-bis D.L. 179/2012 come introdotto dalla L. 218/2012) stabilisce che “a decorrere dal 30 giugno 2014 nei procedimenti civili, contenziosi o di volontaria giurisdizione, innanzi al tribunale, il deposito degli atti processuali e dei documenti da parte dei difensori delle parti precedentemente costituite ha luogo esclusivamente con modalità telematiche, nel rispetto della normativa anche regolamentare concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici“.

Presso il Tribunale di Bergamo, il PCT (Processo Civile Telematico) è attivo per i decreti ingiuntivi dal 2006, dapprima in fase sperimentale. Dal 10 giugno 2014, è attivo anche per il contenzioso civile, per i seguenti atti di parte: Comparsa di risposta, Comparsa conclusionale e memoria di replica, Elaborati CTU, Memorie autorizzate dal Giudice, Scambio delle memorie ex art. 183 co 6 c.p.c.

Oltre ai depositi, ma ciò già da tempo, è possibile consultare i registri ed i fascicoli processuali online.
L’accesso ai registri di cancelleria è consentito esclusivamente agli Avvocati iscritti nel Re.G.Ind.E. (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici, gestito dal Ministero della Giustizia) e solo per procedimenti nei quali risultano costituiti.

Invece, mediante il portale dei servizi telematici del ministero (http://pst.giustizia.it/PST/it/homepage.wp) è accessibile a chiunque un servizio per la consultazione pubblica dei registri dei Tribunali e delle Corti d’Appello ed uno per la consultazione dei procedimenti civili davanti al giudice di pace. In tal caso, tuttavia, vengono oscurate le informazioni relative alle parti.

Lo studio si avvale di un software gestionale cloud-based che consente la consultazione di polisweb dal gestionale, l’importazione dei dati, l’abbinamento dei fascicoli processuali a quelli dello studio ed il deposito diretto degli atti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *